Sei in:Home »  Ambiente »  Radioattività Vai a: Amministrazione trasparente | Informazioni e servizi

Radioattività

Le attività che l' ARPA Lazio effettua in campo di radiazioni ionizzanti sono:

  • Monitoraggio della radioattività ambientale sulla base delle indicazioni della Regione inclusa la sorveglianza delle zone circostanti le ex centrali nucleari;
  • Misure di concentrazione del gas radon in ambiente indoor;
  • Gestione delle comunicazioni effettuate dagli esercenti di attività lavorative che prevedono la presenza di sorgenti radioattive (ad esempio studi dentistici e radiologici, laboratori e istituti di ricerca) nel caso di avvio o cessazione dell'attività e nel caso in cui si verifichi un'anomalia che genera un significativo aumento dell'esposizione dei lavoratori o del pubblico.

Principali riferimenti normativi:

La normativa di riferimento a livello nazionale è rappresentata dal D. Lgs. 230/1995 e s. m. i. e, a livello regionale, dalla D.G.R 141 del 25 marzo 2014 e dalla L. R. 14/2005

  • D.G.R. 25.03.2014 n. 141, Aggiornamento al “Programma di monitoraggio della rete regionale di sorveglianza della radioattività Ambientale nella regione Lazio”. Programma di monitoraggio 2013-2014 (art. 104, d. lgs. 230/95).
  • D.G.R. 25.03.2011 n. 109, Rete Regionale di sorveglianza della Radioattività Ambientale nella Regione Lazio. Programma di monitoraggio (art. 15, comma 1, D.Lgs 230/95).
  • L.R. 31.03.2005 n. 14, “Prevenzione e salvaguardia dal rischio gas radon” (B.u.r.L. 9.04.2005 n. 10).
  • D. Lgs. 17.03.1995 n. 230, smi, "Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 2006/117/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti, 2009/71/Euratom in materia di sicurezza nucleare degli impianti nucleari e 2011/70/Euratom in materia di gestione sicura del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi derivanti da attività civili".