Sei in:Home »  Ambiente »  Ambiente e salute Vai a: Amministrazione trasparente | Informazioni e servizi

Legionella

La Legionella è un batterio presente negli ambienti acquatici, sia naturali che artificiali. La specie pneumophila rappresenta la forma patogena per l'uomo a livello respiratorio se inalata attraverso aerosol contaminato derivante dalla nebulizzazione dell'acqua.

Dall'ambiente naturale, dove in genere si riscontra a basse concentrazioni difficilmente rilevabili analiticamente, la Legionella risale le condotte cittadine andando a colonizzare serbatoi, tubature, condensatori, torri di raffreddamento, sistemi di condizionamento, fontane e piscine. E' proprio dove gli impianti idrici e di condizionamento non sono adeguatamente progettati, realizzati e mantenuti che il batterio, capace di resistere ai normali trattamenti di potabilizzazione, si dissemina amplificando la sua presenza nelle reti d'acqua destinata al consumo umano, fino al raggiungimento di elevate concentrazioni, critiche per lo sviluppo della malattia nei soggetti che presentano una compromissione del sistema immunitario.

La Legionellosi è una malattia considerata come problema emergente in Sanità Pubblica ed è infatti sottoposta ad un sistema di sorveglianza speciale da parte:

  • dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS),
  • della Comunità Europea (EWGLI),
  • dell'Istituto Superiore di Sanità a Roma (ISS).

In Italia, essendo stata inclusa tra le malattie infettive e diffusive soggette ad obbligo di denuncia, la legionellosi rientra in un programma nazionale di sorveglianza che prevede la notifica obbligatoria e flussi informativi al Servizio d'Igiene e Sanità Pubblica (SISP) dell'ASL territorialmente competente, alla Regione, al Ministero della Sanità e all'ISTAT.

I laboratori dell'ARPA Lazio svolgono attività di controllo e accertamento tecnico attraverso sopralluoghi, ispezioni, campionamenti ed analisi, intervenendo come supporto tecnico-analitico al controllo effettuato dai Dipartimenti di Prevenzione delle A.S.L. a seguito di notifica di uno o più casi di malattia e, privatamente, a sostegno dell'attività preventiva di monitoraggio di strutture ricettive, sia pubbliche che private. I laboratori operano nel rispetto della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 e del Metodo Unichim 1037-2002.

Principali riferimenti normativi

  • Conferenza Stato-Regioni del 7 maggio 2015, Linee guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi.
  • Conferenza permanente rapporti Stato-Regioni, Provvedimento 13.01.2005, “Linee guida recante indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-recettive e termali. - Repertorio Atti n. 2181.
  • Conferenza permanente rapporti Stato-Regioni 13.01.2005, “Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi microbiologica e controllo ambientale della legionellosi”.
  • Conferenza Permanente Stato Regioni 4 aprile 2000, Linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi.