Sei in:Home »  Ambiente »  Suolo e Bonifiche Vai a: Amministrazione trasparente | Informazioni e servizi

Anagrafe dei siti contaminati

La Regione Lazio, attraverso apposita convenzione avvalendosi dell'ARPA Lazio, ha avviato la realizzazione e la gestione dell'Anagrafe Informatica dei Siti Contaminati, così come previsto dall'art. 251 del D. Lgs. n. 152/2006 s.m.i..
L'Anagrafe Informatica dei Siti Contaminati è in fase di implementazione e prende spunto dall'applicativo realizzato dall'Agenzia regionale di protezione dell'ambiente della Toscana (SISBON Toscana). Tuttavia i criteri che si stanno seguendo sono quelli delineati dalla D.G.R. Lazio n. 310 del 03.10.2013.
Le attività di gestione dell'Anagrafe verranno effettuate dall'Agenzia, mentre per gli altri Enti coinvolti nel procedimento amministrativo sarà previsto un contributo specifico che verrà espletato direttamente sul web; tutti i soggetti coinvolti inoltre avranno la possibilità di consultare online le informazioni registrate nel database; saranno previsti tre livelli di visibilità: per il cittadino, per il responsabile procedimento, per le pubbliche amministrazioni (Comune, Provincia, Regione, Prefettura).
L'applicativo informatico dell'Anagrafe diventerà lo strumento finalizzato all'implementazione e gestione della banca dati per la registrazione e la catalogazione dei siti contaminati; esso conterrà tutte le informazioni necessarie a corrispondere alle necessità informative di controllo territoriale, di realizzazione degli interventi di bonifica e risanamento e di scambio dei dati tra le amministrazioni per la valutazione delle strategie di risanamento da adottare.
Attraverso il suddetto applicativo si potranno effettuare anche le notifiche di potenziale contaminazione di nuovi siti, trasmettere dati di sintesi e dati analitici in formato standardizzato per i siti con procedimento in corso di svolgimento in modo da alimentare la "Banca Dati" dell'anagrafe.